1879: Le origini

La Fondiaria, Compagnia Italiana di Assicurazioni a premio fisso contro l’Incendio, nasce a Firenze il 15 gennaio 1879. I promotori della costituzione della Compagnia sono importanti finanzieri francesi guidati da Giorgio de Soubeyran (presidente della compagnia parigina La Foncière, da cui la compagnia italia trasse il nome). Al loro fianco ci sono personalità fiorentine come Tommaso Corsini, che ne fu il primo Presidente e rappresentanti della società sabauda; da Domenico Balduino a Carlo Alfieri di Sostegno. Il Capitale Sociale è di 40 milioni di lire oro, di cui 8 interamente versati. 

1879-1914: La Fondiaria Assicurazioni, un esempio di modello organizzativo

La società anticipò per prima un modello organizzativo aziendale di tipo divisionale, comprendente compagnie giuridicamente, contabilmente e patrimonialmente distinte : La Fondiaria incendio (15 gennaio 1879), La Fondiaria vita (28 novembre 1879) e La Fondiaria infortuni (2 ottobre 1909) riunite, però, sotto un’unica governance, che controllava sia la gestione centrale, sia quella periferica, estesa da subito a tutto il territorio nazionale. Nel 1913  viene inaugurata l’Agenzia Generale di Tripoli, confermando lo sviluppo delle attività già estese con le proprie sedi di rappresentanza nei principali centri del Mediterraneo                                

1915-1939: La Fondiaria cresce acquisendo compagnie minori

Nel secondo decennio del secolo scorso, La Fondiaria continua lo sviluppo nel mercato italiano; viene così assorbita l’antica Società viennese di assicurazioni Danubio, che successivamente cambia nome in Compagnia italiana di assicurazioni La Previdente, (costituita 15 febbraio 1917), con sede e direzione a Milano. A La Previdente, che opera nei rami danni, il 26 Aprile 1930, affianca La Previdente Vita. 

1940-1972: La Fondiaria e il piano di rinnovamento post-bellico

Durante la Seconda Guerra Mondiale, gli uffici direzionali sono distaccati a Milano, Genova e Roma. Nel 1944 la sede sociale a Firenze è occupata da parte del Governo militare alleato. Dal 1945 la compagnia maturò un piano di rinnovamento e sviluppo dell’organizzazione centrale e periferica, teso a ripristinare i portafogli falcidiati dall’inflazione bellica e a cui seguì, a partire dal 1953, una nuova espansione sul mercato estero, con sviluppo di numerose iniziative di carattere immobiliare. Nel 1961 Fondiaria trasferisce la propria sede sociale nella ristrutturata sede in Piazza della Libertà a Firenze.

1972-1987: Gli anni infuocati del capitalismo familiare italiano

Nel 1972 La Fondiaria incendio incorpora La Reale Grandine e La Fondiaria infortuni, avviando un progressivo processo di rafforzamento patrimoniale e la conseguente razionalizzazione organizzativa. Tale processo si realizza pienamente con la fusione, l’11 luglio 1980, de La Fondiaria Incendio ne La Fondiaria Vita che contestualmente cambia nome in La Fondiaria Compagnia di assicurazioni e riassicurazioni società per azioni. Successivamente, nel 1985 viene deliberata la forma abbreviata de La Fondiaria Assicurazioni S.p.A.

Nel corso degli anni Ottanta, Fondiaria creò tutte le condizioni per diventare un Gruppo assicurativo e finanziario, ampliò notevolmente la propria articolazione assumendo il controllo di Banca Mercantile Italiana, CARD e GEAS Assicurazioni, e divenendo nel 1984 azionista di maggioranza della Milano Assicurazioni, la Compagnia fondata a Milano nel 1825, che a sua volta controllava Italia assicurazioni, antica compagnia con sede a Genova e con competenze distintive nel ramo trasporti. Nel 1987, nel pieno boom della finanza rampante, la Montedison all’epoca presieduta da Mario Schimberni, scala il capitale della compagnia fiorentina e con un colpo di mano ne acquisisce il controllo.

1988 - 2001 - L'era Gardini

Nel biennio 1988-1989, La Fondiaria non ha pace. Raul Gardini acquisendo il controllo della Montedison, diviene anche controllore della Fondiaria Assicurazioni. Gli asset patrimoniali della compagnia verranno poi usati per una serie di scontri tra le maggiori famiglie imprenditoriali italiane. E’ proprio dalla vendita della metà del capitale di Fondiaria in mano alla Montedison, a De Benedetti, che Gardini aprirà un fronte pericoloso contro Mediobanca, di Enrico Cuccia, che risulterà fatale all’imprenditore romagnolo.

1990 - 2003: Arriva la famiglia Ligresti

Agli inizi degli anni Novanta, attraverso la costituzione della holding Fondiaria S.p.A, il Gruppo assume il controllo di Latina Assicurazioni e conseguentemente di Ausonia, che verranno poi incorporate ne La Previdente Assicurazioni a sua volta fusa nella Milano nel 1997. Dal 2001 Dialogo è attiva come Compagnia telefonica del Gruppo. Nel 2003 il gruppo passa di mano alla famiglia Ligresti.

Ultimo atto: la fusione con Unipol

L’atto di fusione per incorporazione di Unipol Assicurazioni in Fondiaria-Sai, esecutivo dal prossimo 6 gennaio, e successiva ridenominazione in Unipol-Sai, mette la pietra tombale su una società che nel bene e nel male ha fatto la storia economica del nostro paese. 139 anni di storia vengono cancellati, lasciando alla memoria di chi ha vissuto gli anni che furono, il privilegio di poterne ricordare il nome. Partirà una storia nuova, quella di Unipol-Sai, per la quale le manie di gigantismo e protagonismo che hanno animato gli anni della finanza rampante dei quali Fondiaria è stata protagonista e spettatrice, saranno solo un lontano ricordo.